Abruzzo, non solo sisma, 4-8 dicembre 2009

 

Cari amici e soci del Canaletto. 

Adesso parliamo dell'Abruzzo, e commentiamo la gita del ponte dell'Immacolata 2009.

 

Molti di voi si domanderanno come mai non ne abbiamo parlato prima. Il motivo è semplice e complesso al tempo stesso.

Immaginate di voler parlare con il dovuto rispetto di una terra ferita.

E immaginate di voler descrivere le bellezze che quel territorio offre, usando parole che risaltano i luoghi.

In cuor mio ho vissuto momenti di forte contrasto, combattuto tra il fascino incantevole di montagne selvagge e aspre che ospitano borghi medievali ben conservati.

E momenti di angoscia osservando le case sventrate da una forza indomabile e imprevedibile.

Il pensiero corre alle decine di migliaia di famiglie che hanno dovuto trovare una sistemazione, molte piangono uno o piu' lutti.

Ma non parliamo di questo, anche se il pensiero rimane ancorato nelle nostre menti.

 

A un'anno dall'evento, per salutare gli amici abruzzesi e incoraggiarli nella ripresa, parliamo delle curiosità, proviamo a descrivere e illustrare i siti turistici, la bellezza dei luoghi, la storia che li caratterizza.

 

Al nostro arrivo all'Aquila, sabato mattina 5/12, realizziamo subito il significato di città fantasma.

 

 

 

Una foschia inquietante ci avvolge e toglie i contorni alle cose. La piazza della città ha perso la sua funzione di luogo d'incontro tra persone, ora mostra le ferite aperte e con il suo orgoglio sembra voler sfidare il destino. Ma i suoi limiti si vedono ovunque, anche sul pavimento lastricato dove camminiamo, le pietre spezzate testimoniano da sole.

 

 

 

Ci spostiamo passeggiando in quel che rimane del grande prato verde davanti la basilica di Collemaggio, crollata anch'essa parzialmente. Qui era ospitata una tendopoli.

 

 

 

Dopo pranzo la visita al lago Sinizzo.

La compagnia del geologo, nonchè ex sindaco del paese di San Demetrio Nè Vestini, ci ha permesso di conoscere il territorio come solo lui sa spiegare. L'enorme crepa che tutti osserviamo, visibile in quasi tutto il perimetro del lago, ha la sua motivazione nei lavori di consolidamento delle arginature del lago, fatte a suo tempo. Le fantasie di studiosi e giornalisti avevano trovato sfogo parlando di queste crepe come un'evento straordinario, subito ridimensionato dalle esperienze del geologo dott. Ezio Leonardis, che gentilmente ci ha accompagnati.

 

 

La visita al laboratorio di cioccolata, ci ha addolcito, entrando in contatto con gente simpatica e laboriosa.

 

 

Il mattino successivo visita al paesino di Santo Stefano di Sessanio.

 

 

La presenza dell'albergo diffuso SEXTANTIO , significa turismo di qualità in ambienti recuperati da un sicuro degrado dovuto allo spopolamento. Una doppia valenza che il grande imprenditore Italo-svedese ha saputo realizzare a favore di questi borghi tra i più belli d'Italia.

 

 

La visita a Rocca Calascio, non poteva che sbalordire. I vasti panorami, l'aria tersa, l'approssimarsi del tramonto, i ruderi che testimoniano antiche fatiche su ambienti impervi e ostili, come poteva l'uomo medievale sopravvivere a queste altezze e difendere tenacemente con aspre lotte queste posizioni? Eppure questo è stato fatto e Rocca Calascio era un punto di riferimento per tutte le popolazioni del massiccio del Gran Sasso e probabilmente del centro Italia.

 

 

Questo è l'Eremo di Sant'Onofrio al Morrone , dove Celestino V°, il papa del grande rifiuto, ha vissuto molti anni in preghiera. La sua storia ci è stata ampiamente documentata da Donatella, la gentile guida che ci ha tenuto compagnia tutto il Lunedì.

 

 

Ottima la visita all'Abbazia Agostiniana di Sulmona, tuttora in restauro e interessante proprio per questo motivo, discusse insieme agli addetti ai lavori le tecniche di consolidamento e recupero di affreschi e intonaci vari. Il pomeriggio trascorso in confettificio e poi la visita alla città dei confetti, Sulmona, con il suo vivace centro storico, l'Acquedotto Svevo e molto altro.

 

 

 

Martedi' mattina passeggiata in quel che resta del borgo medievale di San Gregorio.

Luoghi sacri distrutti dal sisma, opere scomparse per sempre, simboli che seguivano le famiglie nel percorso di vita e legavano una intera comunità ora giacciono a terra, accompagnati da sguardi attoniti e rispettosi.

 

 

I luoghi della ricostruzione, nuovo centro abitato di San Gregorio.

 

La chiusura della gita ha visto scorrere questi due momenti significativi, la ferita ancora aperta rappresentata dalla chiesa di San Gregorio crollata sotto i colpi del sisma e la tenacia dei residenti che vogliono ricostruire le dimore in zone sicure con materiali leggeri, quale il legno.

 

La nostra conclusione, a un'anno dal sisma del 6 aprile 2009, vuol essere un semplice e caldo saluto al generoso popolo abruzzese, con il ringraziamento per averci permesso di realizzare questa esperienza.

 

Ci rivolgiamo ai soci e amici camperisti con un quesito, l'Abruzzo è un territorio che offre molto, sapremo cogliere quel che ci propone?

 

Un caro saluto a tutti

amichevolmente

Luigi e Teresa

 

 

Favaro Luigi
"Al Canaletto Camping Club"
Club Federato Nazionale ACTItalia
Via Barbariga 81 35010 Vigonza PD
tel. 049.8097296   cell.347.4893124
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.canalettocamperclub.com



Abruzzo, non solo sisma, 4-8 dicembre 2009

 

Vieni a visitare l’Abruzzo “forte e gentile”, cuore verde d’ Europa con i parchi e le riserve naturali, con le cime più alte dell’ Appennino,  il mare,  la storia,  la cultura , con i borghi ben conservati, con le tradizioni, con la buona cucina ed il buon vino!!!

 

 

Vieni a vedere Sulmona, patria di Ovidio e dei confetti famosi in tutto il mondo, con il suo magnifico acquedotto svevo.

 

O ancora i luoghi ascetici tanto cari al papa “ del gran rifiuto”, Celestino V, come l’eremo di Sant’Onofrio sul Monte Morrone, o la bellissima chiesa di Santa Maria di Collemaggio dove il papa riposa.

 

E poi vieni a provare la cucina, la “pasta alla chitarra” , la pregiata carne di agnello, gli “arrosticini”, il buon vino, il rinomatissimo zafferano di Navelli, il pecorino di Farindola.

 

Ma soprattutto vieni a conoscere l’ospitalità e la cordialità degli abruzzesi, nei secoli e per sempre: FORTI E GENTILI!!!


 

 

Programma di massima proposto prima della gita:

 

04-12 venerdi' pomeriggio arrivo degli equipaggi a San Gregorio (AQ) sistemazione all'agriturismo.

 

05-12 sabato mattina passeggiata al centro storico dell'Aquila, nell'unica strada pedonabile. Pranzo libero. Pomeriggio spostamento a San Demetrio Ne Vestini per la visita del paese e del lago Sinizzo (con permesso e accompagnatore).  Quindi sosta alla fabbrica di cioccolato per una dimostrazione pratica con presepi e ornamenti in cioccolato. Cena in agriturismo San Gregorio (facoltativa menu' a 20 euro:fettuccine alla boscaiola  scaloppina ai funghi porcini  verdure cotte  dolce  frutta  caffé  bibite).

 

 

 

 

06-12 domenica spostamento a Santo Stefano di Sessanio , per la visita guidata del grazioso paesino medievale con le botteghe artigiane, i prodotti tipici, l'Albergo Diffuso , ( turismo di qualità nei siti medievali) la rocca distrutta dal sisma.

 

 

Pranzo libero. Spostamento a Calascio . Visita guidata al centro storico del paese, la rocca, il caseificio, probabili attività sulla trasumanza e tosatura degli ovini. Sera libera e cena facoltativa in ristorante.

S. STEFANO DI SESSANIO: ha retto! video post sisma

presentazione video 1

presentazione video 2

presentazione video 3

 

 

 

 

 

 

07-12 lunedi Arrivo a Badia (poco distante da Sulmona),  visita guidata all'Eremo di Sant'Onofrio , eventuale al Santuario di Ercole Curino. Pranzo libero. Visita al confettificio . Spostamento a Sulmona e visita guidata della cittadina.  

 

Sulmona, centro importante della Valle Peligna, città dell’Amore, circondata dalle incantevoli catene del Morrone e della Maiella vi aspetta! Visitiamo una fabbrica di confetti, tanto famosi in tutto il mondo e conosciamo le varie fasi della loro lavorazione, dalla mandorla al confetto finito, che oggi è persino firmato dagli sposi!!! Percorriamo l’ arteria principale della città di Sulmona, il corso Ovidio e perdiamoci nell’ osservare la Cattedrale di San Panfilo con la sua bellissima cripta e poi, percorsi i giardini pubblici fermiamoci davanti all’incanto del complesso della Santissima Annunziata, vero vanto dell’ arte sulmonese con il suo bellissimo campanile che svetta altero tra le case. Arriviamo a piazza XX Settembre per ammirare la statua del grande poeta qui nato nel 47 a.c. Publius Ovidius Naso, ricordato come Ovidio Nasone, a cui la città di Sulmona è estremamente legata!!! Proseguiamo per visitare la Chiesa di San Francesco della Scarpa, con la sua abside staccata e piazza Garibaldi, già piazza Maggiore, con il suo splendido Acquedotto svevo. Ammiriamo da questa piazza lo splendore del massiccio del Morrone e della Maiella alle sue spalle!!! Visitiamo la chiesa di Santa Maria della Tomba, che conserva l’ unico rosone ancora intatto della città, devastata nel corso dei secoli da terremoti tremendi. E finiamo con Porta Napoli, splendido esempio di architettura angioina. 

 

Rientro all'agriturismo San Gregorio con cena ( facoltativa, menu €uro 20 antipasto all'italiana  pappardelle ai funghi porcini, salsiccia e zafferano arrosto misto al forno  patate al forno dolce  frutta  caffé  bibite  ).

  

 

08-12 martedi santa messa e visita del paesino di San Gregorio, la parte distrutta e le speranze per la ricostruzione. Chiusura della gita con l'intervento dell'associazione "San Gregorio Rinasce" , sulle tematiche legate al terremoto, il dramma, la gente, la solidarietà, la ricostruzione. Buffet di commiato

ore 14,00 Fine del tour. Rientro.

 

Finalità:

Questa gita, con valenza turistica, vuole aprire un contatto con gli amici abruzzesi,  ai quali è rivolta la nostra ammirazione  e salutiamo amichevolmente.

Desideriamo avvicinarci con discrezione per capire il dramma del sisma, adottare le prevenzioni e sostenere le soluzioni finora applicate.

Il terremoto che colpisce la terra d'Abruzzo, ci fa sentire vulnerabili e questa realtà, seppur cruda, è doveroso affrontarla. l'Italia è riconosciuto un paese sismico a tutti gli effetti, e c'è chi trascura l'ipotesi di un possibile terremoto sul proprio territorio. Le tecniche di costruzione, a tutt'oggi, non hanno acquisito un metodo antisismico diffuso e pochi sono coloro che possono dimostrare con sicurezza di abitare in una dimora idonea a sopportare le scosse telluriche. In questa escursione osserveremo con discrezione le zone e le case colpite, per entrare nell'argomento e farci guidare, da chi ha vissuto l'esperienza del sei aprile, verso un possibile  approfondimento.

Coloro che desiderano iscriversi potranno farlo con la scheda di adesione. La gita sarà a numero chiuso, non oltre 30 equipaggi.

 

L'agriturismo che ci ospita ha posti letto disponibili, quindi chi volesse coinvolgere amici non camperisti, puo' fare una richiesta  via mail. Sarà prenotato e gli forniremo i contatti con l'agriturismo.

 

Nei costi della scheda di adesione sono compresi:

organizzazione del programma e recupero dei costi , parcheggio all'agriturismo suddiviso su due persone adulte e un camper, accompagnamenti, accessi e visite guidate ove nominate, visite alle aziende, buffet di fine gita.

Non sono compresi: il bus per l'avvicinamento alla Rocca di Calascio (da non confondere con il paese di Calascio), da decidere solo dopo aver verificato le reali condizioni climatiche, più l'eventuale costo del park e/o carico/scarico all'area di sosta di Sulmona (€ 2,5), le cene e pasti che sono tutti facoltativi.

 

Alle persone iscritte e confermate via mail, verranno inoltrate le istruzioni della gita e i vari punti di incontro

 

 

Il club, il direttivo e tutti i volontari che si sono resi utili declinano ogni responsabilita' per eventuali danni occorsi a persone, mezzi e animali derivanti dalle attivita' organizzate. Ogni socio deve farsi carico del proprio operato nel pieno rispetto di persone, ambiente e realta' visitate. Il programma e i costi possono subire modifiche.

 

 

Il programma del viaggio è in via di preparazione, per essere informati gratuitamente sui nostri viaggi o argomenti che trattiamo pubblicamente, scrivete una mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. chiedendo di essere inseriti nella nostra mailing-list e arriveranno settimanalmente tutti gli aggiornamenti del "Canaletto".

amichevolmente

Luigi

 

"Al Canaletto Camping Club"

Via Barbariga 81 35010 Vigonza PD

tel. 049.8097296 cell.347.4893124

www.canalettocamperclub.com

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.