Ciclovia Canal du Midi  da Toulouse a Sète   

dal 11-07 al 21/07

Incontro il 11/07 con minicorso per la preparazione all'uso della bici. Fine escursione il 21-07, 10 notti e 11 giorni

Il canale du Midi è indubbiamente il più bel canale in Europa. È stato costruito da Pierre Paul Riquet fra 1667 e 1681 per collegare il mare Mediterraneo all’Oceano Atlantico. Questa idea già era stata sognata dai Romani ma è stata realizzata sedici secoli più tardi e perfino a quel tempo è stato a lungo considerato un notevole successo tecnologico. Al giorno d'oggi questo calmo canale è affiancato da migliaia di alberi centenari. Lungo tutti i 260 chilometri, incontrerete paesaggi incantevoli e località di grande interesse turistico come la città di Carcassonne. Altri luoghi affascinanti saranno le piacevoli soste del vostro viaggio fra il porto marittimo di  Carcassonne e Sète. Agde è nota per la meravigliosa cattedrale Romanica, Béziers per il suo ponte Romano, la cattedrale ed il canale, Narbonne per la grande cattedrale gotica, il palazzo arcivescovile ed i magazzini romani.

.

Fonsèranes, le nove chiuse a sinistra e l'ascensore d'acqua a destra

 

Da non perdere :

La città fortificata di Carcassonne

Castelnaudary e il suo rinomato « cassoulet »

La città romana di Narbonne ed il ponte dei mercanti

La sequenza delle chiuse di Fonsérannes (Béziers)

Le spiagge dell’Etang de Thau, di Narbonne e di Port la Nouvelle

I ristoranti con specialità di frutti di mare

I deliziosi vini del Languedoc e del Minervois

.

«Cassoulet» Ricetta di Anthony Bourdain. Questo grande piatto è molto semplice da fare, e non ci vuole molto tempo, se si organizza il lavoro nell'arco di tre giorni. Occorre sapere come fare il confit d'anatra, una preparazione che potrebbe sempre servire anche da utilizzare come antipasto o come ripieno per i ravioli. Di tutti i grandi piatti della cucina regionale francese il cassoulet è il più tipico. Abbondante e rustico il cassoulet contiene salsiccia di maiale all’aglio, pancetta affumicata, maiale salato, un’ala o una coscia di oca, un pezzo di montone, o due zampetti di maiale, o mezza anatra, e alcuni pezzi di cotenna di maiale. I fagioli sono teneri, sugosi, umidi, ma non spappolati; degli aromatici effluvi di aglio e di erbe si sprigionano dal recipiente di terracotta quando il cassoulet viene portato caldo e fumante a tavola.

 

 



.

Programma di massima:

11/07 venerdi , fuori programma

Incontro degli equipaggi a Tolosa e mini corso all’uso della bici.

12/07 sabato inizio programma

Escursione in bici a Tolosa A/R km 16+16, facile.

 

Definita spesso come il ponte di collegamento tra la vecchia e la nuova Francia, Tolosa è una città dalla grande storia, sede di rinomati centri d'arte e accademie letterarie e scientifiche. Il XXI secolo si distingue per ospitare due importanti simboli di unione tra passato e futuro: una delle più antiche accademie di Francia, l'Académie des Jeux Floraux, che istituisce premi letterari, e l'Académie de l'Air et de l'Espace, dedicata agli studi sull'aeronautica e sullo spazio. Città ricca di storia, vivace e contemporanea, Tolosa è una delle località più belle della Francia.

In visita libera potremo osservare il Campidoglio, la Basilica di Saint-Sernin, lo Stadium Municipal, la Cité de l'Espace , Musée des Augustins, Cattedrale di Tolosa, Basilica di Notre-Dame de la Daurade , Museo Saint-Raymond, l'hotel Assezat. Notte in campeggio.

.

13/07 domenica

Escursione in bici lungo il Canal Du Midi direzione Carcassone. Km 31, facile. Recupero dei camper con l’uso delle staffette. Sera spostamento equipaggi a Carcassone. Notte in campeggio

14/07 lunedi

 

 

Non si può visitare Carcassonne senza ammirare il famoso Château Comtal! Costruito nel XII secolo sotto commissione del Trencavel, esso è compreso nelle mura fortificate e comprende ben 14 torri nelle mura esterne e 24 torri in quelle interne, una basilica e una chiesa. Originariamente serviva come palazzo dei visconti per poi divenire una citadel nel 1226. Al suo interno si possono ammirare il museo archeologico, il Musee Lapidaire, un convento Francescano con bellissime finestre in stile gotico, un romantico patio, le Cour d'honneur, nel quale si possono osservare gli stili architettonici temporali come il romanico, il gotico e il rinascimentale, la Cour du Midi, nella zona sud-ovest che rappresenta la torre più alta della fortificazione.



 .

Giornata di riposo. Visita libera di Carcassonne. Notte in campeggio

15/07 martedi

.

.

Escursione in bici verso Homps e visita libera, percorso facile km 40. Cittadina storica della regione Linguadoca-Rossiglione. Da qui partono diverse crociere fluviali lungo il Canale Du Midi e la Garonne per raggiungere l'Atlantico, o verso sud-est nella laguna di Thau e addentrarsi quindi nella mediterranea Camargue.  

Recupero con le staffette. Notte in campeggio

16/07 mercoledi

Escursione in bici verso sud lungo il Canale de la Robinie km 27 facile. Arrivo a Narbonne e visita libera. Recupero con le staffette e notte al campeggio.

.

NARBONNE E LA VIA DOMIZIA. L'esercito romano costruiva le sue strade per collegare Roma al resto dell'Impero. La via Domizia o Domitia iniziava da Susa in Piemonte, attraversa le Alpi e da Briançon arrivava sino ai Pirenei, alla Junquera e le Perthus in Spagna. Da lì, alcuni anni più tardi, la strada proseguiva verso Tarragona divenendo la Via Augusta.  La costruzione della Via Domizia si deve al console Gneo Domizio Enobardo (122 aC). che fu anche il governatore della Gallia Narbonensis.  Accanto a questa strada romana che attraversava la Gallia Cisalpina e la Gallia Narbonense sono nate molte città, le più importanti sono Nimes (121 A.C.), Beaucaire (121 A.C.) e 19 chilometri, Arles (123 A.C.), Béziers (Civitas baeterrensis urbs) e Narbonne.  Una di queste, fu scelta come la capitale della provincia, Narbonne - Narbona, Colonia Narbo Martius (118 A.C.). Più tardi i romani costruirono un'altra strada che andava da Narbonne a Tolosa passando per Carcassonne. Con la decadenza dell'Impero Romano, Narbonne e tutte le province passarono sotto il controllo dei Visigoti anche se per un breve periodo, la città fu presa dall'emiro al-andalus: Samh ibn al - Malik Al - Khawlan nel 719 che si accontentò di una facile conquista dopo il fracasso di  Carcassonne.  Curiosità. Il Toponimo della colonia Narbo Martius (Narbonne) prende il nome dal dio Marte, il dio della guerra e dal suo fondatore, Quintus Marcius Rex. Quintus Marcius è un discendente di Anco Marcio, quarto re di Roma (VII secolo A.C.)- ed è il figlio del costruttore di acquedotto più lungo di Roma (acqua marcia) ed inoltre e' il nonno materno di Giulio Cesare.

.

17/07 giovedi

Giornata di riposo, proponiamo visita libera di Narbonne. In alternativa con la bici, escursione al mare e alla laguna sud di Narbonne. Siamo nella regione della Linguadoca-Rossiglione confinante alla Camargue, stesse caratteristiche e in questa occasione più selvaggio e meno cementificato. Vedremo le vecchie saline, i cavalli al pascolo, i fenicotteri rosa, lo sbocco del canale sul mare, le spiagge di sabbia dorata  e molto altro. Notte al campeggio.

.

COSA VEDERE A NARBONNE 

Senza dubbio, ciclare lungo i sui canali è molto attraente.
Il centro Storico.
Il Palazzo dell'Arcivescovo con le sue sale e il museo.
Il mercato coperto stile parigino.
Il Museo lapidario, centinaia di antiche sculture funerarie di epoca romana.
Ovviamente la Cattedrale di Saint-Just-et-Saint-Pasteur

.

18/07 venerdi

.

Le 9 chiuse di Fonsèranes a Beziers e il Ponte-canale sull'ORB

.

Una passeggiata sulla battigia, con la sabbia fresca sotto le dita, o una camminata in salita verso le montagne, superando distese infinite di vigneti? La cittadina di Beziers, nell’indecisione, si è fermata a metà strada tra il mare e le alture, e con lei i suoi 70 mila abitanti e i turisti che ogni anno le fanno visita. Ma l’atmosfera è squisitamente mediterranea in questa località francese dell’Hérault, nella regione della Linguadoca-Rossiglione, aggrappata come una conchiglia al promontorio che domina una vasta piana viticola.

 

 

 

 

 

.

Escursione in bici lungo il Canal Du Midi, raggiungeremo Beziers, km 35 facile. Lungo il percorso chiuse vinciane multiple di Fonsèranes, il Ponte-canale sull'Orb e il tunnel di Malpas, opere ardite per i loro tempi. Notte al campeggio.

.

Il tunnel di Malpas

.

19/07 sabato

Escursione in bici verso le zone balneari percorrendo il Canale Du Midi. Visita libera di Agde e rientro ai camper in bici. Notte al campeggio.

.

Poco lontano da Montpellier e da Sète, nella regione storica francese della Linguadoca-Rossiglione (Languedoc-Roussillon), sorge il villaggio turistico di Cap d’Agde, lungo la costa del dipartimento dell’Herault. Come il nome suggerisce, si tratta di un piccolo promontorio roccioso che emerge dalla vegetazione mediterranea e dai vigneti del Midi, non lontano dal confine spagnolo.
Cap d’Agde è una rinomata località turistica, che attira ogni anno una quantità impressionante di visitatori, ma non è una cittadina come tutte le altre: è infatti una sorta di paese artificiale, creato negli anni Settanta per uso esclusivamente turistico, e ospita il villaggio naturista più famoso al mondo. Da una stagione all’altra la realtà del luogo cambia completamente: se d’inverno, infatti, la zona si presenta pressoché deserta e non ci sono grandi attrattive che valga la pena di vedere, dalla primavera al primo autunno molti vengono stregati dalle spiagge bianche e dalle acque cristalline, nonché dalla totale libertà che qui i naturisti possono sperimentare.

.

20/07 domenica

Escursione in bici. Pedalando lungo la strada costiera raggiungeremo Sete, dove potremo visitare la città vecchia e la cattedrale. Notte al campeggio.

.

Il cuore stesso di Sète ricorda Venezia, con un dedalo magico di canali che riflettono i bagliori del sole: abbarbicata lungo un fianco del Monte St. Clair, incastonata tra il Mediterraneo e lo stagno di Thau, la cittadina vanta un paesaggio marittimo particolarissimo e accoglie il mare, coi suoi profumi, proprio tra le strade e le piazze del centro. Non a caso la città è famosa per la sua varietà di ostriche ed è tra i maggiori porti di pesca del Mediterraneo, ma negli anni ha saputo mantenere quell’atmosfera intima che caratterizza i vecchi borghi costieri.
Lungo il molo se ne stanno allineati numerosi ristoranti, in cui i pescatori portano le reti cariche di bottino. Nei tavolini all’aperto, disposti sulla banchina, si possono assaggiare le ricette tipiche del sud della Francia, e vi si riconoscono molti sapori italiani. Imparentata col gusto napoletano, la cucina locale comprende delle ghiotte specialità come le cozze marinate, i calamari ripieni e gli involtini di seppia, ma anche i tipici piatti della “Bourride de baudroie”, la “bouillabaisse”, la “macaronade” e la “tielle”.
  

 

.

21/07 Lunedi fine gita

Giornata di riposo. Possibile visita alla cittadina di Sete oppure alla spiaggia per un bel bagno di sole.

Fine gita, saluti, baci e abbracci, alla prossima occasione. Partenza per il rientro.

Luigi propone un fuori programma per stare insieme altri due o tre giorni, visitando le rimanenti mete turistiche della Camargue: Aigues-Mortes, Pont Du Gard, Avignone. Chi è disponibile e desidera unirsi, puo’ indicarlo nella scheda di adesione per poter pianificare il percorso ed eventualmente prenotare I campeggi. I costi supplementari saranno calcolati e richiesti al momento se avremo agevolazioni di gruppo, altrimenti ognuno potrà agire in autonomia.

.

Aigues-Mortes

Il profumo di sale galleggia nell’aria già a chilometri di distanza, quando Aigues-Mortes appare come un agglomerato urbano adagiato su una distesa lucente. Avvicinandosi si scoprono le forme di questa cittadina costiera francese, a 35 km da NImes e a 30 km da Montpellier: cinque strade verticali che si intrecciano con altrettante perpendicolari, dando vita a un reticolo perfettamente simmetrico in cui vivevano i salinai, marinai e vecchi lupi di mare. Popolata da 6 mila abitanti ma gremita di un numero molto maggiore di visitatori, Aigues-Mortes è oggi una località fortemente turistica che ha saputo però salvaguardare il suo fascino originario.  

 

.

Pont Du Gard

Il Pont du Gard è un ponte acquedotto costruito dai Romani nel primo secolo della nostra era. Le sue dimensioni - ben 49 metri di altezza - lo rendono eccezionale; è il ponte antico più alto del mondo. È composto di tre file di archi sovrapposti (6 archi al primo livello, 11 archi al secondo livello e 47 all'origine): una configurazione che rappresenta anche una realizzazione rarissima per l'epoca. Un migliaio di uomini circa ha lavorato su questo cantiere colossale, terminato in soli cinque anni!

Inoltre, è sorprendente per via del suo eccellente stato di conservazione che gli permette di essere ammirato oggi come un capolavoro del genio creatore umano. È l'unico esempio di ponte antico a tre piani ancora esistente oggi; da vedere assolutamente.

 

 

 

Provenza: Avignone, la Seconda Roma

Non si può parlare di Avignone senza ricordare l’avvenimento che ha trasformato la storia di questa città: il trasferimento, dal 1375 al 1378 del Papato di Clemente V che volle andare in Provenza perchè a Roma “l’aria era malsana”. In realtà Clemente V era totalmente succube di Filippo Il Bello, sovrano francese, che lo costrinse a trasferirsi in Francia. Ad Avignone si susseguirono 7 papi e fu Gregorio XI a riportare la sede del papato a Roma. Il ritorno a Roma non risolse i problemi della chiesa. Gregorio XI venne considerato non eletto dai cardinali, francesi che elessero da soli l’Antipapa Clemente VII, ospitato anch‘egli ad Avignone, insieme al suo successore Benedetto XIII e sempre sotto la protezione della Monarchia Francese. Della Cattività Avignonese e del periodo successivo resta la grandiosa testimonianza del Palazzo dei Papi.

 

Organizzazione:

Gli spostamenti e il recupero dei mezzi, saranno effettuati con i camper, applicando l'ormai consolidato metodo "staffette".

Attività:

In questa occasione sarà possibile creare due gruppi, un gruppo di ciclisti accompagnati da Luigi che in sella alla bici vorranno compiere le escursioni proposte. Un'altro gruppo di amanti del relax che in compagnia di Teresa vorranno rilassarsi passeggiando e visitare quel che di bello è situato nelle vicinanze del punto sosta camper.

Costi previsti:

450 €uro a equipaggio con due persone adulte comprese, lasciando le attività facoltative, come cene o ingressi specifici, al di fuori di esso.

Questi luoghi sono fortemente turistici, inoltrate appena possibile la vostra adesione per rendere possibile la prenotazione dei campeggi. Grazie per la collaborazione. 

scheda di adesione (fai copia/incolla, compila e inoltra via mail):This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Ciclovia Canal du Midi  da Toulouse a Sète    

dal 11-07 al 21/07

Chiediamo di partecipare alla manifestazione in oggetto, organizzata da Canaletto ASD associazione sportiva dilettantistica.

Abbiamo letto tutte le informazioni e possediamo le dotazioni di seguito elencate.

Camper di:(nome, cognome)..............targa.........

indirizzo.................citta'.........................................

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">mail   .................................................

cellulare.............................

Altri partecipanti:(nome, cognome età)....................................

Iscrizione equipaggio compresi due adulti €uro 450.00

ogni altra persona adulta (>18) €uro 180 x n°.....tot €...........

ogni giovane sotto i 18 anni €uro 130 x n°..tot. €uro...... 

Bimbi <5 anni gratis 

Desideriamo partecipare al fuori programma di fine gita per n° .... (max 3) giorni e diamo la nostra disponibilità a rimborsare i costi dei campeggi e altro, nei confronti dell'associazione, nel caso la stessa dovesse impegnarsi con eventuali prenotazioni di gruppo. Altrimenti ognuno agirà in autonomia.

Iscrizione aperta a tutti i possessori di Camping Card . Se non la possedete, potete richiederla sul posto, costo €uro 15 a equipaggio e sarà valida per tutto il 2014. 

Possiedo già la  Camping Card International Numero....dell'associazione.. 

 

 

Dotazioni necessarie e regole associative da rispettare durante le uscite: 

 

 

Il programma è realizzabile con la partecipazione minima di 15 equipaggi ed un massimo di 30.

Ogni equipaggio deve possedere un navigatore che funzioni inserendo anche le coordinate oltre all'indirizzo.

Possono partecipare equipaggi dotati di un camper oppure di una roulotte che disponga di tutti i servizi igienici perfettamente funzionanti (doccia, wc, ecc) e che abbia un'autonomia di 48 ore. A tal scopo consigliamo di dotare il proprio mezzo di doppia cassetta wc. Non è possibile scaricare i liquidi reflui al di fuori degli spazi consentiti. 

Gli equipaggi che possiedono mezzi sprovvisti dei servizi igienici e/o gli stessi servizi in dotazione al mezzo non fossero perfettamente funzionanti o non raggiungono l'autonomia richiesta in precedenza, possono iscriversi solo dopo aver chiesto e ottenuto il consenso dell'organizzazione.

 

I punti sosta sono selezionati dagli organizzatori valutando la logistica del sito in cui sono ubicati e seguono queste priorità per agevolare: 

la sosta del gruppo con relativi partecipanti e mezzi,

la realizzazione delle escursioni a piedi, in bici o altro, 

l'eventuale spostamento dei partecipanti con l'uso dei mezzi pubblici,

rendere il più possibile fluide e tranquille le varie attività ricreative e motorie.

 

Quando usiamo il termine "campeggio" comprendiamo tutti i siti provvisti di regolare permesso stagionale adibito alla sosta diurna e notturna di persone e mezzi.

 

Chiameremo parcheggi o aree di sosta, i siti provvisti di permesso temporaneo (non oltre le 48 ore).

   

Durante le uscite, il programma deve essere rispettato per ovvie ragioni organizzative e associative.

Eventuali richieste di variazione del programma e/o dei punti sosta, va inoltrata al referente dell'uscita, il quale, se lo ritiene opportuno, convoca tutti i partecipanti riuniti in unica assemblea e mette ai voti la richiesta. Con il consenso totale degli iscritti, si potrà procedere alla eventuale variazione, altrimenti la richiesta non sarà più considerata.

Se l'eventuale variazione del programma comporta aggravi di spesa a carico dell'associazione, si dovrà procedere al reintegro dei costi da parte dei partecipanti nei confronti del club che si impegna a realizzare (se fattibile) l'eventuale variazione.

 

€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€

 

Informazioni per chi desidera iscriversi:

I costi delle escursioni sono indicativi finchè è esposto il programma di massima. Solo dopo la completa stesura del programma definitivo si conoscerà il costo reale dell'iniziativa, che se necessario verrà aggiornato. 

Alle persone iscritte e confermate via mail, verranno inoltrate le coordinate bancarie per l'acconto e prenotati i servizi richiesti.

(consiglio del 08/11/2011) Iscrizioni alle gite, regolamento:

L'acconto versato non puo' essere restituito.
In caso di annullamento o rinvio dell'uscita da parte del club o degli ospitanti, l'acconto potrà essere restituito con queste modalità :

  1. 100% se viene rivalutato in una successiva uscita, anche di destinazione diversa ma organizzata dal "Canaletto"

  2. 50% se viene richiesta la restituzione del danaro già versato.

Alle persone iscritte e confermate con acconto, verranno  prenotati i servizi nominati. Prima della partenza sarà fornito via mail il punto d'incontro. Il programma definitivo sarà consegnato sul posto al momento della regolarizzazione equipaggi.

L'annullamento dell'iscrizione sarà possibile in caso di impedimenti gravi e giustificati, fino a tre giorni prima l'inizio gita. Dopo tale termine il club non potrà esercitare modifiche sulle prenotazioni, percio' l'equipaggio iscritto sarà consapevole di dover rimborsare la propria quota relativa agli impegni presi dal club nei confronti di terzi.  

In caso di recesso di uno o più equipaggi, dopo l'inizio gita, non sarà possibile alcun rimborso.

Il presente regolamento e tutte le informazioni fin qui contenute sono automaticamente accettate con il versamento dell'acconto.

 

Il club, il direttivo e tutti i volontari che si sono resi utili declinano ogni responsabilita' per eventuali danni occorsi a persone, mezzi e animali derivanti dalle attivita' organizzate. Ogni socio deve farsi carico del proprio operato nel pieno rispetto di persone, ambiente e realta' visitate. Il programma e i costi possono subire modifiche.

Il programma del viaggio è in via di preparazione, per essere informati gratuitamente sui nostri viaggi o argomenti che trattiamo pubblicamente, scrivete una mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. chiedendo di essere inseriti nella nostra mailing-list e Vi saranno inoltrati settimanalmente tutti gli aggiornamenti del "Canaletto".

amichevolmente

Luigi

 

Canaletto ASD

Via Barbariga 85 35010 Vigonza PD

 

tel. 049.8097296 cell.347.4893124

 

www.canalettocamperclub.com

 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.